Cannolo salato con coulis di pomodori

Luigi, il graphic designer nato a Padova, si confronterà con una ricetta a basso budget. Per la sua spesa ha scelto: farina 00 a 30 centesimi; 5 grammi di cacao amaro a 5 centesimi; un bicchierino di Marsala a 50 centesimi; un uovo a 25 centesimi; 50 grammi di strutto a 50 centesimi; della ricotta di capra a 1 euro; dei pistacchi a 1 euro; delle olive taggiasche a 60 centesimi; 4 pomodori a 60 centesimi. Totale della spesa: 4,80 euro. Vediamo cosa preparerà: “Oggi vi farò la mia ricetta 5 euro, un cannolo salato con coulis di pomodori. Parto subito con l’impasto dei cannoli, quindi ho bisogno della planetario. Ho bisogno di 250 grammi di farina, un po’ di amaro: ne metto giusto un po’ per ricordare il colore dell’impasto originale; del Marsala, per la precisione 30 millilitri; un uovo; infine, lo strutto, 50 grammi. Ora azioniamo la planetaria. Partiamo piano, in modo da non spargere la farina ovunque. L’impasto è pronto. Lo prendo, lo lavoro un attimo, giusto per dargli una forma rotonda e per sentire anche se è giusto. Questo è perfetto, è morbido. Prendo una ciotolina: un po’ di farina, che mi serve a non far attaccare l’impasto; copro con la pellicola. Questo impasto va in frigo a riposare 30-40 minuti. Perfetto. Adesso, con meno di 2 euro ho già fatto la base del mio piatto, che è la cialda. Per la farcitura userò pistacchi, olive e ricotta. Inizio subito dai pistacchi: li voglio tritati fini, quindi prendo il chopper e trito. Ora le olive. Ho scelto delle olive taggiasche perché sono molto saporite e contrastano un po’ con la dolcezza della ricotta. Coltello: questo va benissimo. Anche la consistenza è importante. Avrò il croccante del pistacchio, il cremoso della ricotta e questa assistenza tipica delle olive, un po’ morbida. Così dovrebbe andare bene. Con le olive siamo a posto. Mi manca soltanto la ricotta. Prendo una terrina. Nella la farcia classica di un cannolo dolce, la ricotta andrebbe passata al setaccio per creare una consistenza più cremosa al palato, ma a me va benissimo così. Questa è una ricotta di capra, molto leggera. Invece dei canditi classici, andrò a mettere i pistacchi tritati e le olive sminuzzate. Ne tengo un po’ da parte perché voglio guarnire poi il piatto alla fine. Qui c’è sale, c’è olio, c’è tutto, quindi non aggiungo altro. Do una bella mescolata alla ricotta. Questa è pronta. La trasferisco in una sac-a-poche: così è perfetta. La metto in frigo. Passo alla coulis di pomodori. Tiro fuori i pomodori. Questi andranno semplicemente tagliati a pezzettoni. Sono già lavati e asciugati. Posso passare al taglio. L’importante, per la mia idea di cucina, sono sempre i colori: di solito nel cannolo dolce non si abbina una salsa. Per questa versione salata, invece, voglio fare una coulis bella rossa, che dia colore al piatto e che ravvivi un po’ la nota salata. I pomodori sono a posto. Mi serve uno scalogno. Ne basta uno piccolino, mi serve per dare un po’ più di sapore al piatto. Prima di tritarlo, metto a scaldare in una padella due cucchiai abbondanti di olio. Affettiamo lo scalogno. Non serve troppo fine perché tanto poi andremo a frullare tutto, quindi basta il sapore più che la forma. Vado a metterlo nell’olio bello caldo e verso i miei pomodori. Questa è una cottura un po’ lunga, può andare da venti minuti a mezz’ora. Ogni tanto lo controlliamo per vedere più che altro la consistenza del pomodoro, che deve essere morbido per essere frullato. Adesso vado a recuperare l’impasto che ho lasciato nel frigo a riposare. Ora prepariamo le cialde per i cannoli. L’impasto ha riposato bene. Ne prendo un pezzettino; lo stendo leggermente; sempre un occhio ai pomodori, perché non voglio che brucino. Prendo un po’ di farina per non far attaccare e stendo l’impasto. I cannoli mi serviranno più o meno di questa dimensione: la cialda, più che il cannolo. Questa ricetta mi piace molto perché rappresenta un po’ il mio stile di cucina che è un finger food creativo. Ho cercato di rielaborare un po’ questa ricetta classica del cannolo; l’ho proposta a cena ad amici e fidanzata; è piaciuta molto. Ricavo due cialde. Prendo il cilindro, lo adagio al centro e chiudo la cialda. Perfetto. Ho fatto le mie due cialde. Siamo pronti per friggerle. Manca giusto un minuto, qua, che l’olio sia caldo. Perfetto. Quindi ho il tempo di prendere un piatto, con un po’ di carta da cucina. Sono pronto per friggere. Due o tre minuti in olio bollente. I cannoli sono pronti. Mi aiuto sempre con la pinza per scolarli, stando attento a non romperli. Li appoggio sulla carta da cucina. Li asciugo leggermente. Possono restare a raffreddare. Mi dedico invece alla coulis, che mi servirà come salsa, appunto, di accompagnamento. I pomodori vanno benissimo così, sono perfetti anche con le bucce, tanto adesso li andrò a frullare, quindi tutta questa consistenza un po’ granulosa si perderà. Spegno il fuoco, la tolgo e la vado a frullare. Mi aiuto con un bicchierone, usando sempre la stessa planetaria che ho usato per l’impasto e ci verso dentro i pomodori. Chiudo per evitare di fare danni, e aziono. La vado a filtrare. Prendo un colino e passo tutto. Adesso filtro bene il composto che poi mi servirà come base per l’impiattamento. La salsa è pronta, perfetta. Sentiamo i cannoli. Sono freddi, manca solo la farcitura. La vado a recuperare nel frigo. Ho bisogno di una forbice per tagliare la punta della sac-a-poche e vado a farcire i miei cannoli. Lo faccio prima da un lato e poi dall’altro. Ultima guarnizione prima di impiattare. Metto esternamente sulla ricotta po’ di pistacchi e un po’ di olive. I cannoli mi piacciono. Direi che sono pronto per impiattare. Scelgo un bel piatto circolare. Questa è la colis di pomodori; sopra ci adagio i cannoli. Prendo due foglioline di origano fresco. Il piatto è pronto. Voilà. Ecco la mia ricetta 5 euro: cannolo salato con coulis di pomodori, un ottimo finger food anche a buon prezzo. Buon appetito!” Luigi ha realizzato la sua ricetta 5 euro. Provala anche tu!


  • TAG
Autoplay

Potrebbe interessarti anche


Playlist Correlate