I biscotti di Prato con riduzione al Vin Santo

Iniziamo con Ivana, l’ex maestra toscana ci saluterà preparando una versione personale del dolce simbolo della sua città. “I biscotti di Prato con riduzione al vin santo. Per fare questi biscotti occorrono le uova, che andrò a sbattere in una boule e che mi serviranno per preparare l’impasto. In genere ne servono 4, non occorre sbatterle molto, basta che siano appena amalgamate. Prendo i pinoli e 2 cucchiai dello zucchero previsto. La ricetta originale dei biscotti di Prato è custodita gelosamente ma tutti tentiamo nella nostra città di imitarla e così anch’io ho fatto le mie prove. La farina di pinoli e zucchero è pronta. Metto da parte 2 cucchiai di zucchero che serviranno per la riduzione del vin santo. Devo unire tutti gli ingredienti, la farina zero zero, la farina di pinoli e zucchero, diamo una girata in maniera che la farina di pinoli si unisca bene alla farina zero zero e un pizzico di sale. Possiamo aggiungere il burro fuso, il lievito - ne basta metà cucchiaino - e mescolo bene. Adesso posso andare ad aggiungere lentamente le uova, poche per volta. Questi biscotti li faccio spessissimo, li tengo in un vaso di vetro e appena questo è vuoto ricomincio a farli. A casa mia non mancano mai. L’impasto deve risultare abbastanza denso in modo da formare dei filoncini. Masterchef è stata una esperienza bellissima. Mi sarebbe piaciuto molto provare questa ricetta per farla assaggiare ai giudici e chissà, magari li avrei presi per la gola. È il momento di aggiungere le mandorle, l’ingrediente che dà sapore al biscotto. Devono essere di buona qualità, non vanno tostate, non vanno tagliate, devono rimanere intere. L’impasto è pronto. Adesso posso formare i filoncini. Mi servirà un po’ di farina sul piano di lavoro. Prendo circa un terzo dell’impasto e preparo il filoncino. Questo impasto in fondo tende ad allargarsi, ad appiattirsi e quindi è molto importante cercare di rialzare molto i bordi. Le mandorle escono un po’ fuori ma non importa anzi è proprio la caratteristica del biscotto. Ecco, sono pronta per infornare. Prendo la teglia da forno, preparo i filoncini sulla teglia e poi posso andare a spennellarli con il tuorlo d’uovo. Questo permetterà in cottura di far sì che l’impasto si colorisca perché questo biscotto è pronto quando raggiunge un bel colore brunito. Posso infornare a forno preriscaldato a 180 gradi e cuocere per 30 minuti. Adesso preparo la riduzione al vin santo. Mi serve la maizena, il vin santo e lo zucchero che ho tenuto da parte, una piccola boule, metto la maizena - ne bastano 2 cucchiaini - sciolgo la maizena con un pochino di vin santo facendo attenzione a non formare grumi. In genere i biscotti si mangiano inzuppati nel vin santo. A me però non piacciono le zuppe quindi ho pensato di inventare questa riduzione che permette di mantenere la croccantezza del biscotto accompagnata dal sapore del vin santo. Aggiungo lo zucchero al vin santo e poi aggiungo anche un miscuglio di vin santo e maizena. In questo modo otterrò la riduzione al vin santo per mangiare i biscotti proprio come piacciono a me. Vado sul fuoco, dovrà bollire alcuni minuti finché non vedremo raggiungere una densità cremosa. Quando la riduzione ha raggiunto questa consistenza possiamo metterla a raffreddare in frigorifero. Posso controllare la cottura dei biscotti, hanno un bel colore dorato, posso sfornarli. Bisogna prendere un coltello pesante perché il taglio deve essere netto altrimenti il biscotto si sbriciola. I biscotti sono pronti. Vado a recuperare la riduzione di vin santo in frigo. Ora posso impiattare. Sistemo i biscotti nel piatto proprio come quando aspetto le mie amiche e dispongo accanto la riduzione al vin santo. Questi sono i miei biscotti di Prato con riduzione al vin santo. Spero che vi piaceranno e aspetto il vostro voto in pagella. Buon appetito”. Per tutte le ricette e le interviste esclusive degli eliminati vai sul sito masterchef.sky.it.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Uno
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky