Spaghetti con seppioline, colatura di alici e finto caviale

Iniziamo con Arianna. La vulcanica bancaria romana ci saluta, dopo la sua eliminazione, con una ricetta molto ricercata: spaghetti con seppioline, colatura di alici e finto caviale. “Ieri sono stata eliminata. Quindi, oggi preparerò un mio piatto che vi parli un po’ di me, della mia storia e di quello che è stato il mio percorso qui a MasterChef. Inizio dalla pulizia delle seppie. La prima operazione da fare è quella di estrarre il nero dalle seppie. Il primo passaggio è quello di incidere dalla parte della schiena la seppia. Estraiamo il nero. Sto preparando i due lobi delle seppie che andrò, poi, a scottare in padella. Se mi vedesse la mia pescivendola, Guendalina, in questo momento sarebbe veramente orgogliosa di me. Ora posso tagliare a striscioline le seppie. Queste mi serviranno dopo. Intanto le lascio da parte. Preparo il finto caviale con l’aiuto dell’agar-agar. Prendo una ciotolina per sciogliere l’agar-agar, questo per evitare che, una volta immerso nell’acqua, mi formi dei grumi. Lascio l’agar-agar a scaldare perché dovrà essere portato ad ebollizione per circa tre minuti. Intanto, mi preparo le foglioline di menta e il succo di limone che andrà aggiunto all’agar-agar. Tuffo le foglioline di menta nello sciroppo di agar-agar. Aggiungo il limone. Lo mescoliamo un pochino. Il composto si è addensato ed è pronto. Posso prendere l’olio dal freezer. Quest’olio è stato nel freezer per 30 minuti. Per aiutarmi a mantenere la temperatura dell’olio ghiacciata, mi sono procurata una boule con del ghiaccio, in cui immergerò il bicchiere. A questo punto, con l’aiuto di una siringa, vado a prelevare l’agar-agar al sapore di limone e menta per formare delle gocce all’interno dell’olio. In questo modo si crea questo finto caviale, di grande effetto in cucina. Le lascio dieci minuti a riposare in modo da gelificarle correttamente. Posso buttare gli spaghetti in acqua non salata, perché andremo a utilizzare la colatura di alici. Quindi, è importante non salare l’acqua. Mentre la pasta cuoce, metto su una padella. Andremo a mettere un pochino di olio, uno spicchio d’aglio in camicia e un pochino di peperoncino. Mentre lascio soffriggere l’aglio con il peperoncino, prendo le due seppioline. Utilizzerò anche in questo caso solo la testa. Le aggiungo alle altre. A questo punto, cuocio le seppioline. MasterChef per me è stata veramente una bellissima esperienza. Ho potuto dedicare tanto tempo a questa passione, del tempo che, normalmente, facendo una vita impegnata, purtroppo non ho. La mia felicità è dietro ai fornelli. Sicuramente con MasterChef ne ho avuto la conferma. Le seppioline sono pronte. Basta veramente pochissimo. A questo punto, posso scolare la pasta direttamente in padella. Aggiungo un po’ d’acqua di cottura, in modo che la pasta finisca di cuocere in padella. Tolgo dal fuoco la padella e aggiungo la colatura di alici, che va sempre utilizzata fuori dal fuoco. Ne utilizziamo circa un cucchiaio per ogni 100 grammi di spaghetti. Gli spaghetti con le seppioline sono pronti. Ora vado a scolare il finto caviale di limone. In realtà, quello che vado a fare è filtrare semplicemente l’olio, per cui tutte queste piccole sfere rimarranno incastrate nel colino. Le metto da parte in un bicchierino. Finalmente sono pronta per impiattare. Con l’aiuto di un pennello, rompo le sacchette del nero. Vado a disegnare una riga con il nero di seppia al centro del piatto. Adagio un nido di spaghetti e qualche seppiolina. Vado a completare il piatto con il finto caviale di limone e menta e aggiungo il mio tocco personale, cioè i colori e i fiori. Sono felice di concludere il mio percorso a MasterChef con questo piatto, perché veramente mi rappresenta. Sono veramente io. L’ultimo petalo e il piatto è pronto. Ecco i miei spaghetti con seppioline, colatura di alici e finto caviale di limone e menta. Con questo piatto di spaghetti, io vi saluto”.


  • TAG
Autoplay

Potrebbe interessarti anche


Playlist Correlate