Michele P. a Master of Pasta

Lasciato per sempre il grembiule di MasterChef, Michele indossa ora quello che lo potrebbe portare a essere il nuovo Voiello Master of pasta. Per vincere, il suo piatto dovrà essere il migliore fra tutti. Lo sarà? “Ciao, Michele. Benvenuto”. “Ciao, Simone”. “Com’è andata l’avventura?”. “Beh, abbastanza bene. Alla fine, è risultato tutto positivo. Grandissimo”. “Carico oggi?”. “Carichissimo”. “Grembiule azzurro, possibilità di diventare il nuovo Voiello Master of pasta. Io, per l’occasione, ti ho preparato una Mistery”. “Va bene”. “Curioso?”. “Curiosissimo”. “Pronti. Fagiolini, pomodorini, prezzemolo, scalogno, pomodori secchi e cozze. Io ho scelto questi. Adesso tocca a te scegliere la vera protagonista del piatto: la pasta Voiello. Farfalle e spaghetti”. “Io scelgo gli spaghetti. Con le cozze penso che gli spaghetti siano perfetti”. “Tu avevi l’opportunità di portare un ingrediente segreto da casa”. “Sì”. “Il tuo alleato perfetto”. “Sì”. “Cosa mi hai portato? Ah, i friggitelli”. “Una cosa bellissima”. “Meraviglia. Guarda che belli. Meglio delle patatine fritte. Uno dietro l’altro”. “Quindi, penso che darò il meglio di me”. “Dieci minuti è il tempo di cottura degli spaghetti, che è il tempo che hai a disposizione per completare il tuo piatto. La tua sfida inizia ora”. La sfida di Michele è creare in dieci minuti, con gli ingredienti della Mistery Box, il suo alleato perfetto e gli spaghetti Voiello un piatto che sia degno del titolo di Voiello Master of pasta. “Inizio subito con i fagiolini, perché hanno un tempo di cottura di 6-7 minuti”. “Quindi, li sbollentiamo?”. “Sì”. “I friggitelli come li usiamo?”. “Li mettiamo in padella. Li voglio prima pulire. Uso anche una pentola per le cozze”. “Un filo d’olio. Okay. Coperchio. A posto”. “Prendiamo i nostri pomodorini. Mettiamo su lo scalogno”. “Ti sono rimasti solo quattro minuti”. “Metto tutto dentro dopo”. “Ah, metti tutto dentro”. “Sì”. “Ce la facciamo?”. “Sì”. “Peperoni, pomodorini”. “Friggitelli”. “Friggitelli. È comunque un peperone”. “Sì”. “Guarda che belli. Cosa facciamo adesso?”. “Vado a pulire le cozze e mi conservo l’acqua di cottura”. “Dobbiamo andare velocissimi”. “Mi ricorda qualcosa questa voce ‘velocissimi’”. “Mancano trenta secondi. Dieci secondi. Quattro, tre, due, uno. Via. Via. Via. Pronti. Ce l’abbiamo fatta. È pure contento”. “Sì. Bisogna solo impiattare”. “Impiattiamo. Il nome del piatto”. “Beh, visto l’aspetto, non può mancare che chiamarlo ‘Vesuvio’”. “Vesuvio. Un’esplosione...”. “Un’esplosione di sapori”. “Adesso, però, sarà il pubblico a decidere se questo è il piatto del prossimo Voiello Master of pasta”. “Non mi resta che dire ‘votatemi’. Votate Michele Pirozzi. Che questa esplosione del Vesuvio, di sapori, possa entrare nel vostro cuore”. “Evviva il Vesuvio”. “Grazie”. Ora il giudice sei tu. Vota la prova di Michele nella cucina di Voiello per farlo diventare il prossimo Voiello Master of pasta e aggiudicarti uno degli esclusivi kit Voiello. Tanti altri sono in gara. Non perderti nessun episodio.


  • TAG
Autoplay

Potrebbe interessarti anche


Playlist Correlate