Appalti truccati al san Camillo di Roma, 10 arresti

Appalti truccati in una delle strutture ospedaliere più importanti della Capitale, il San Camillo. Dieci gli arresti eseguiti dai Carabinieri su mandato della Procura di Roma. Nel mirino i lavori realizzati in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia, del valore di oltre un milione di euro, e che hanno riguardato in particolare la ristrutturazione del pronto soccorso, dei nuovi posti letto per la terapia intensiva e dei lavori di manutenzione del padiglione Lancisi. Adesso ai tre immobili verranno apposti i sigilli perché posti sotto sequestro preventivo. La previsione a latere di un appalto di manutenzione, una serie di ulteriori servizi definiti “complementari” e risultati invece essere poi duplicazioni di prestazioni già eseguite. L’indagine ha consentito di accertare l’esistenza di un fenomeno criminale all’interno dell’azienda ospedaliera, che ha visto coinvolti anche 26 indagati. “Se vuoi campà…se no te faccio un c… così”. “Te faccio tante de.. te faccio impazzì”. Gli arrestati devono rispondere di corruzione, turbata libertà degli incanti, estorsione, falsità materiale in atti pubblici, peculato e truffa aggravata. Nelle settimane scorse la bruttissima vicenda di un malato di cancro terminale costretto a trascorrere le sue ultime 56 ore di vita nel pronto soccorso dell’ospedale per mancanza di posti letto nel reparto di terapia intensiva, entrambe le strutture oggi finite nel mirino della Procura di Roma.


  • TAG
Autoplay

Potrebbe interessarti anche


Playlist Correlate