Il degrado ambientale uccide 1,7 milioni di bambini l'anno

Il dato è impressionante e deve far riflettere. L’ambiente malsano, l’acqua inquinata, lo smog e la carenza di igiene ogni anno provocano nel mondo la morte di oltre 1,5 milioni di bambini sotto i 5 anni di età. Un quadro preoccupante che viene fuori dai due rapporti preparati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ereditare un ambiente sostenibile e non inquinate il mio futuro. Secondo gli esperti, l’esposizione pericolosa agli inquinanti può iniziare già durante la gravidanza, aumentando il rischio di nascite premature. Sfogliando il report ecco quello che viene fuori: 570.000 bimbi muoiono per infezioni respiratorie causate dall’inquinamento e dal fumo passivo. Al secondo posto c’è la dissenteria provocata dalle scarse condizioni igieniche. C’è, poi, la malaria, che può essere prevenuta con interventi sull’ambiente tesi a ridurre la crescita delle zanzare. Un ambiente inquinato e letale, specialmente per i bambini, ha detto il direttore generale dell’Organizzazione, Margaret Chan, in quanto il sistema immunitario è ancora in sviluppo. L’OMS punta il dito anche contro il riscaldamento globale, una delle principali cause dell’asma, una malattia che interessa l’11,14 per cento dei bambini. Il più delle volte, a scatenare i problemi respiratori sono proprio i fattori ambientali. E poi ci sono i pericoli emergenti, come quello derivante dai rifiuti elettronici, che espongono i più piccoli a tossine responsabili della riduzione del quoziente intellettivo e di danni ai polmoni.


  • TAG
Autoplay

Playlist Correlate