Sisma, recuperati otto pc rubati nella scuola di Acquasanta

Il numero degli sfollati è sceso ancora: da oltre 4.000, sono poco più di 1.400 le persone che sono assistite dalla Protezione civile. Molte tende non ci sono più, è vero, ma non sono del tutto sparite, anche se l’emergenza è ormai finita. Per la ricostruzione ci vorrà tempo. Intanto i carabinieri hanno recuperato otto dei dieci computer portatili rubati nella scuola media di Acquasanta Terme, l’unica agibile dopo il terremoto del 24 agosto. Del furto aveva parlato anche il Presidente della Repubblica, Mattarella, definendolo un’offesa all’Italia e un tentativo odioso di rubare il futuro ai ragazzi di quel Comune. Il furto era avvenuto nella notte del 28 settembre. Due persone sono state denunciate: si tratta di un cittadino albanese di 38 anni e di un suo conoscente di 58 anni. Entrambi avevano in casa alcuni computer. Intanto, l’inchiesta sui crolli va avanti. È tornato ad Amatrice il Procuratore Capo di Rieti, Giuseppe Saieva, per un sopralluogo tecnico iniziato fra le macerie delle case popolari. “In attesa della indicazione del COI, che ci dirà dove portare le macerie, perché provvederemo subito ai dissequestri, però dissequestro significa nulla se non abbiamo anche un posto dove portare subito tutti i materiali che impediscono il ritorno non alla normalità, perché sarà difficile, ma insomma…”. Pochissime le attività che sono ripartite qui ad Amatrice, dove potrebbe presto essere creata una zona commerciale. Sono tanti i commercianti che avevano un negozio proprio qui, nella zona ormai distrutta, nella zona rossa di Amatrice. Ma nonostante questo, nonostante le innumerevoli difficoltà che stanno incontrando, non vogliono abbandonare Amatrice.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Tg24
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky