Torino, litiga con la ex e poi si toglie la vita

La fine di una relazione sentimentale. Sembra questo il movente del tentato omicidio compiuto in pieno centro a Torino da un uomo di 45 anni, italiano, che al termine di un violento litigio con la ex compagna, le ha puntato contro la pistola, regolarmente detenuta, senza colpirla, e poi si è suicidato, sparandosi in testa, forse convinto di averla uccisa. L’uomo, dirigente di un’azienda nel ramo della grande distribuzione, aveva con sé alcuni regali, voleva convincerla a ritornare con lui. Ma la ragazza, trentunenne ungherese, che lavora in un night, non ne voleva sapere. L’avrebbe spintonata, facendola cadere, quindi un proiettile sarebbe partito dall’arma, forse per sbaglio. I residenti chiamano la polizia, l’uomo scappa. Quando la polizia lo raggiunge, si spara alla testa. La donna, trasportata all’ospedale CTO, è stata già ascoltata per due ore dagli investigatori. Era un uomo che non avrebbe mai fatto male a nessuno, ha dichiarato agli uomini della squadra mobile la giovane, che ha spiegato di aver conosciuto il quarantacinquenne su un sito di incontri online, e di aver avuto con lui una relazione di qualche mese, prima di decidere di troncare il rapporto.


  • TAG
Autoplay

Playlist Correlate