Brexit, agevolazioni per studenti Ue nell'anno 2017/2018

Rimangono invariati prestiti e borse di studio per gli studenti europei che vorranno iscriversi alle università inglesi per gli anni accademici 2017 e 2018. Lo ha deciso oggi il Governo conservatore del premier Theresa May. Non solo: questi studenti potranno continuare ad usufruire dei trattamenti garantiti ai loro colleghi britannici per tutta la durata dei loro studi, anche dopo che Londra sarà uscita dall’Unione Europea, a patto che il loro corso di studio sia iniziato nel biennio 2017-2018. Quindi, nonostante la Brexit, prevista dal referendum di giugno, che sarà avviata entro marzo del 2017, ma che si concluderà non prima del 2019, gli studenti che intendono fare domanda per l’anno accademico 2017-2018 – recita un comunicato – non soltanto avranno diritto a richiedere gli aiuti finanziari attualmente a loro disposizione, ma potranno continuare a beneficiarne per tutta la durata del periodo di studio. Il ministro delle università ha, inoltre, riconosciuto che gli studenti internazionali forniscono un importante contributo al sistema universitario britannico. Ogni anno, infatti, le nuove iscrizioni dall’estero sono ben 430.000. Cosa accadrà, invece, dopo il biennio 2017-2018 non è ancora prevedibile, e molti restano con il fiato sospeso in attesa delle nuove regole. Per ora, comunque, si tratta di un segnale politico conciliante, a maggior ragione dopo la proposta shock, poi ritirata, della ministra dell’interno, che voleva chiedere alle aziende britanniche le liste dei dipendenti stranieri assunti, liste che suonavano come vere e proprie liste di proscrizione.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Tg24
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky