Nobel Medicina 2016 al giapponese Yoshinori Ohsumi

È giapponese il vincitore del Premio Nobel 2016 per la medicina. L’Assemblea dello svedese Karolinska Institutet ha scelto il settantunenne biologo Yoshinori Ohsumi per la sua scoperta dei meccanismi dell’autofagia, il processo con cui le cellule possono riciclare le sostanze di scarto eliminando una parte di se stesse, per rendere più efficiente la propria funzione. “Le scoperte di Ohsumi hanno portato a un nuovo paradigma nella nostra comprensione su come le cellule riciclino le sostanze di scarto” è spiegato nella motivazione del Premio che il fondatore Alfred Nobel volle fosse assegnato a chi avesse conferito il maggior beneficio all’umanità, in questo caso nel campo della medicina; il massimo riconoscimento per uno scienziato a livello mondiale che oggi vale 8 milioni di corone svedesi, quasi 850.000 euro. Yoshinori Ohsumi è stato scelto tra i 273 scienziati candidati quest’anno per i suoi studi sull’autofagia cellulare. È stato il biologo giapponese a portare alla luce i processi programmati grazie ai quali le cellule hanno la capacità di liberarsi delle sostanze di scarto, anche quelle molto nocive, inviandole ai lisosomi (organelli che fungono da sistema digerente della cellula e che sono specializzati nella loro distruzione); un meccanismo questo ipotizzato dagli scienziati già cinquanta anni fa e a cui ha dedicato una vita di studi Ohsumi. Le scoperte del neo Premio Nobel spalancano alla scienza nuove opportunità per studiare l’importanza dell’autofagia in numerosi processi fisiologici, dalla capacità di adattamento degli organismi a loro modo di rispondere e combattere le infezioni. Mutazioni nei geni che regolano l’autofagia possono portare a malattie gravi come tumori e disturbi neurologici. Comprenderle potrebbe portare allo sviluppo di nuove terapie per combatterle e vincerle.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Tg24
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky