Papa Francesco ai politici: la povertà degrada e uccide

Sette nuovi santi della Chiesa. Li proclama Papa Francesco davanti a decine e decine di migliaia di fedeli. Tra loro ci sono due italiani, i sacerdoti Ludovico Pavoni e Alfonso Maria Fusco, due francesi, uno spagnolo, un messicano. Il primo Papa argentino della storia proclama il primo santo argentino. Veneratissimo in patria, Giuseppe Gabriele del Rosario Brochero, chiamato il Cura Brochero o il prete Gaucho perché girava la nazione con il cappello e il mantello tipico dei mandriani della pampa argentina, era stato beatificato nel 2013 proprio da Bergoglio. Due dei nuovi santi sono martiri, cioè uccisi per odio della fede. Uno è il francese Salomon Leclerc, che venne ammazzato durante la Rivoluzione francese. L’altro era un ragazzo di soli quattordici anni, Giuseppe Sánchez del Río, assassinato dopo essere stato torturato durante la rivolta messicana dei “cristeros”  degli anni Venti, quando il Governo tentò di estirpare per sempre il cattolicesimo dalla nazione. “Muoio in difesa della fede cattolica per amore di Cristo Re e della Madonna di Guadalupe” scrisse il giovane in un biglietto poi trovato sul suo corpo. “José Sánchez del Río non è soltanto un martire cristiano. Possiamo dire che è un martire in difesa dei diritti fondamentali anche della persona, che emanano fede in Dio”. E all’Angelus Papa Francesco parla della lotta alla povertà facendo un richiamo ai politici. “Uniamo le nostre forse morali ed economiche per lottare insieme contro la povertà, che degrada, offende e uccide tanti fratelli e sorelle, attuando politiche serie per le famiglie e per il lavoro”.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Tg24
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky