Siria, attacco di terra sui ribelli di Aleppo

Damasco sferra l’attacco di terra, il più poderoso degli ultimi tempi per riconquistare i quartieri ribelli di Aleppo. Si combatte porta a porta, le truppe della coalizione pro Assad sono sostenute dal cielo dall’aviazione del regime dei jet russi. Una battaglia considerata chiave per porre fine ad oltre cinque anni di guerra in Siria. Dai primi report non ufficiali, ci sono già decine di vittime. La tv di Stato siriana ha confermato che le truppe lealiste hanno riconquistato un quartiere nei pressi della famosa cittadella di Aleppo e che scontri sono in corso nel centro storico. Un ennesimo duro colpo contro l’opposizione, dopo l’offensiva aerea che giovedì scorso, spazzando via la tregua tra Stati Uniti e Russia, ha fatto oltre 200 morti, nell’enclave d’opposizione. Molti civili e bambini, tra le vittime: 250.000, secondo le stime ONU, i civili ad Aleppo, stretti tra il fuoco incrociato dei combattenti anti-regime e dei lealisti, senz’acqua, senza luce, senza cibo e medicinali. Il nuovo attacco, per gli Stati Uniti, è l’ennesima prova che il Presidente Bashar al-Assad e i suoi alleati russi e regionali, hanno abbandonato il processo di pace internazionale, per ottenere una vittoria sul campo di battaglia e poter dettare le condizioni politiche del dopoguerra. Un attacco, come quello aereo dei giorni scorsi, definito barbaro dall’America, che per Francia e Inghilterra, e per le modalità e le armi usate, si profila come un crimine di guerra.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Tg24
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky