Thailandia in lutto, è morto il re Bhumibol

Il momento non può essere più solenne. La Casa Reale thailandese ha appena annunciato la morte del caro amato re. Il primo ministro, il generale Prayuth Chan-ocha, ha ufficializzato la notizia con un messaggio trasmesso da tutte le televisioni nazionali. Nei volti del popolo thailandese la proverbiale compostezza orientale lascia il posto a una sincera commozione, che in alcuni casi rasenta l’autentica disperazione. I suoi sudditi, che hanno pregato per giorni nei templi, nelle strade e di fronte all’ospedale Siriraj di Bangkok, dove il monarca era ricoverato, ora piangono. Il grande re Bhumibol, della dinastia dei Chakri, è morto all’età di 88 anni e la Thailandia è in lutto, un lutto che durerà un anno, come reso noto dalle autorità. Il sovrano, che aveva assunto il nome di Rama IX, è rimasto sul trono per la bellezza di 70 anni. Un’enormità. Bhumibol era, infatti, il sovrano più longevo in carica al mondo. Considerato in Patria un semidio, si era guadagnato l’amore e la venerazione di tutti, incarnando lo spirito stesso della Nazione e riuscendo a dialogare con tutte le parti, nonostante il Governo di una Giunta militare. L’ultima sua apparizione risale allo scorso gennaio. Da allora, il silenzio. Fino al peggioramento delle condizioni fisiche. Ora al trono salirà il suo unico erede maschio, il sessantaquattrenne principe, che prenderà il nome di Rama X. Una curiosità: tutti i thailandesi si sono vestiti, negli ultimi giorni, di rosa perché, come stabilito dagli astrologi reali, il rosa era il colore portafortuna del grande monarca. Per lui, una vita da leggenda.

EMBED
  • TAG
Tutte le notizie di Sky Tg24
In esclusiva per i clienti Sky

Potrebbe interessarti anche

Tutti i siti sky