Pescasseroli, nasce il cinema Ettore Scola

In una giornata di sole, molto desiderata in questo difficilissimo inverno abruzzese, Pescasseroli ha onorato Ettore Scola, il regista che amava questa cittadina e che qui aveva casa. La banda suona colonne sonore dei film di Scola. Ed ecco la targa, ecco il cinema, che, un anno dopo la morte del grande regista, si chiama “Ettore Scola”. “Io sono emozionata perché, e può sembrare anche un po’ triste, mi ricorda il suo funerale, perché è stato un funerale allegro, come questo momento che si ripete e che si potrebbe ancora ripetere, perché lui non è che non c’è più, c’è sempre”. Il maestro, che attraverso la vita dei suoi personaggi ha raccontato con ironia e piglio politico momenti della nostra storia, è stato ricordato dagli amici che hanno frequentato, come lui, questo comune di 2.200 abitanti sull’Appennino. “Nel caso di Ettore, la passione civile era tutt’uno con la sua capacità di raccontare, di narrare”. “Tra i film di Scola quale ti sarebbe piaciuto interpretare?”. “Tutti. Tutti quanti. Dramma della gelosia: mi sarei divertita moltissimo. Però, non potrei immaginarmelo se non con la meravigliosa Monica Vitti in quel ruolo indimenticabile”. “Può un sistema nervoso essere innamorato ugualmente di colui che l’ha corcata di botte?”.


  • TAG
Autoplay

Playlist Correlate