VIDEO Venezia 2019, Roberto Saviano parla di ZeroZeroZero

Scrivo questo libro, ci metto dentro l'Africa il Sud America, una cosa complicatissima un lavoro di cinque anni. E poi dopo poco che era uscito, mi arriva una telefonata nel cuore della notte che mi avverte che il libro è stato trovato nel covo di El Chapo Guzman. ci resto male, nel senso che sapevo, so bene che i narcotrafficanti i boss leggono moltissimo. Leggono moltissimo e si leggono per narcisismo o per controllare, ma soprattutto perche loro non conoscono il passato dell'organizzazione criminale. Non lo conoscono. Conoscono quello che hanno vissuto e che gli hanno raccontato non sanno negli anni 80 cos'era il crimine in Messico, El Chapo ha saputo molto lateralmente. e li pensavo è finita. Non farò mai nulla più su questo libro ci sarà adesso paura, diffidenza, perché lo stava leggendo? E Quindi pensavo adesso la serie non parte. Perché per me la serie è stata una gemmazione un capitolo nuovo è fondamentale. Ogni tanto mi metto a scrivere e dico ma sto scrivendo io o mi sono messo gli occhi di Sollima. Perché Stefano in questo senso ha avuto una grande capacità in Gomorra e poi in "zero zero zero". La capacità di tenere dentro l'intrattenimento, quindi la dinamica d'azione, il documento. Col documento intendo dire tu vedi l'Aspromonte, vedi come ci si muove realmente.

pubblicità