Emergenza migranti, 377 sbarcati ad Augusta

Erano 377 i migranti che questo pomeriggio sono sbarcati dalla nave Aquarius della ONG Sos Mediterranee al porto di Augusta. Sono stati salvati nella notte di Natale in due distinte operazioni. Adesso finalmente sono sulla terraferma. I migranti – tra loro molte donne, due delle quali in stato di gravidanza, e diversi bambini – sono tutti in discrete condizioni di salute. Hanno raccontato di essere partiti da un porto della Libia con le condizioni meteo avverse; a poche miglia dalla costa, i motori delle loro barche si sono fermati e sono andati alla deriva; grazie a un satellitare hanno lanciato l’sos raccolto dalla nave Aquarius, che si è subito recata nella zona. Le condizioni meteo hanno reso difficili le operazioni che, per fortuna, si sono concluse senza incidenti. I migranti hanno raccontato ai soccorritori che le condizioni in cui erano costretti a vivere in Libia in attesa di partire per l’Europa erano disumane: meglio morire in mare che tornare indietro, ha raccontato uno degli extracomunitari al personale della nave Sos Mediterranee, una delle poche Ong rimaste a pattugliare il Canale di Sicilia. I migranti sbarcati ad Augusta hanno riferito anche che i trafficanti di uomini hanno abbassato i prezzi per le traversate. I centri di detenzione per chi vuole partire sono pieni ed è necessario svuotarli. Intanto le condizioni del mare sono in netto peggioramento.


  • TAG
Autoplay