Lodi, nuovo interrogatorio per il ristoratore

“C’era buio, non ho visto”. Sarà riascoltato dagli inquirenti, Mario Cattaneo, il ristoratore che venerdì mattina all’alba ha sparato e ucciso uno dei rapinatori che era entrato nella sua osteria: è accusato di omicidio volontario. Diverse le incongruenze nel racconto dell’uomo: elementi che non corrispondono con quanto sta emergendo dalle indagini. Ad iniziare dal numero di colpi esplosi: l’uomo ha raccontato di aver sparato una volta e che il colpo sarebbe partito perché il rapinatore, di origine rumena, avrebbe tentato di rubare l’arma. Un vicino di casa però ha raccontato di averne sentiti due, di colpi, esplodere quella notte. L’autopsia ha chiarito che il colpo che ha ucciso Petre Ungureanu, sorpreso a rubare sigarette, è stato sparato ad una distanza ravvicinatissima. “Bisogna stabilire se l’uomo e la sua famiglia erano effettivamente in pericolo, e il ruolo del figlio dell’oste, che lo avrebbe aiutato durante la colluttazione con il malvivente”, fa sapere il procuratore capo di Lodi, Domenico Chiaro, e chiede anche ai complici del rapinatore di farsi avanti per chiarire la dinamica. Intanto, nel ristorante di Cattaneo è un via vai di gente. Con lui ci sono il suo avvocato, la sua famiglia e i tanti concittadini, e non solo, che vogliono esprimergli solidarietà, anche attraverso una raccolta firme: “Io credo che un giudice che abbia un po’ di coscienza chiuderebbe la faccenda”. Un’iniziativa nata da un’idea di Daniela. Abita non lontano da qui, ha subìto diversi furti. In casa sua, qualcuno armato c’è, racconta, ed è pronta anche lei ad armarsi: “Da domenica ad oggi sono 320 firme”. Lei ha qualche arma in casa? “No, però ho delle persone in casa che le hanno. Ma poi, anche se fosse, me le procurerei lo stessa, anche senza porto d’armi, perché adesso mi sono rotta le scatole”. Sabato alle 15 partirà da qui un corteo in segno di solidarietà all’oste, organizzato dal sindaco del paese. Il 25 aprile sarà in piazza a Verona la Lega Nord, mentre le indagini vanno avanti.


  • TAG
Autoplay