Scandalo molestie, Warner Bros: nome Brizzi sarà nel film

Sa di parziale marcia indietro l’ultima mossa della Warner Bros sul caso Fausto Brizzi. Il nome del regista italiano finito al centro delle polemiche, dopo le accuse di molestie sessuali da parte di alcune attrici sarà infatti presente nei titoli del film “Poveri ma ricchissimi”, in uscita il prossimo 14 dicembre. A salvare Brizzi dall’oblio totale nella pellicola da lui stesso diretta è stato il diritto d’autore “che - precisa in una nota la società di produzione – è considerato inalienabile”. O almeno, lo sarà quando il film verrà proiettato nelle sale cinematografiche. La Warner ha infatti confermato la scelta di non inserire il nome del regista nelle varie iniziative per la promozione della commedia. La dimostrazione lampante è arrivata con la pubblicazione del trailer di “Poveri ma ricchissimi”, che non contiene alcun riferimento a Brizzi, né come regista, né tantomeno come soggettista e sceneggiatore. A tirare in ballo il suo nome nella bufera degli scandali sessuali che sta investendo il mondo del cinema, erano state le confessioni di dieci attrici che lo avevano indicato come autore di molestie e violenze nei loro confronti. Lui ha sempre negato, ribadendo di non aver mai avuto rapporti non consenzienti. Una posizione difesa a spada tratta anche da sua moglie, Claudia Zanella, che ha parlato di tribunale mediatico contro il marito, mentre l’avvocato di Brizzi ha confermato che nessuno è stato querelato. Almeno finora, perché la vicenda appare tutt’altro che chiusa.


  • TAG
Autoplay