Sesso con minore a Prato, donna conferma versione al GIP

Non ha cambiato versione la trentunenne pratese agli arresti domiciliari. I rapporti sessuali che hanno portato alla gravidanza e alla nascita di un bambino sarebbero avvenuti al compimento dei 14 anni del ragazzo, anche se nelle carte, cercando una giustificazione per la prima volta, con una confidente lo stesso aveva parlato di ormone del tredicenne. “La signora ha chiarito, ha spiegato, non ha modificato la propria versione quindi ha chiarito linearmente rispetto a quelle che erano state le sue dichiarazioni davanti al Pubblico Ministero. Ha continuato su questa stessa linea e ha fornito le ulteriori spiegazioni richieste dai GIP”. Gli avvocati non hanno presentato richiesta di revoca degli arresti allo stesso GIP, che sulla base delle dichiarazioni spontanee della signora aveva deciso la misura. Si sta occupando della questione un altro Giudice. “Adesso confidiamo, ovviamente, nell'udienza del riesame. Si immagina venga fissata per la prossima settimana, non oltre per procedura. E proseguiamo nella difesa”. Intanto la Procura ha chiesto l'incidente probatorio per l'adolescente così da cristallizzare la sua posizione e sollevarlo dal processo. È una procedura che si attua per le vittime di violenza sessuale e per i minori e in questa storia sembrano presenti entrambe le condizioni.


  • TAG
Autoplay