Sindaco Lampedusa: togliere migranti da mani di delinquenti

“Le notizie sono che è stato individuato dall'elicottero forse un altro cadavere e che la vedetta si sta recando sul posto per cercare di individuare effettivamente un cadavere o meno”. “Situazione meteo?” “La situazione meteo, c'è mare mosso. Stanotte intorno alle 4 meno un quarto sono stato allertato dalla Capitaneria di Porto per vedere la situazione delle due donne che sono morte, quindi abbiamo provveduto a prenderle e portarle alla camera mortuaria”. “In parallelo, dicevo, c'era un altro sbarco che è stato gestito dalla ONG Open Arms. In questo caso una trentina di persone sono state tratte in salvo e anch'esse portate a Lampedusa. Sindaco, la scorsa settimana, quando ci avvicinavamo alle commemorazioni per la tragedia del 2013, lei, ancora una volta aveva attaccato l'Europa. Ci hanno abbandonato, sei anni che non sono serviti all'Europa per trovare una linea comune e per dare a Lampedusa una tranquillità dal punto di vista dell'accoglienza. Questa nuova tragedia del mare fa tornare tremendamente d'attualità il suo grido d'allarme”. “Sì, ma non è solo un problema di allarmare l'Europa. Il problema fondamentale è che bisogna un attimino chiedere alla Tunisia di cercare di non fare partire persone, per poi vederle morire nel Mediterraneo. Dico, non si può continuare ad assistere a questa tragedia e a questi morti veramente che non hanno... non ha nessun significato. Bisogna che si prendano immediatamente provvedimenti per cercare... o li fanno arrivare regolarmente o altrimenti si prende qualche provvedimento per toglierli nei confronti dei delinquenti, che per i soldi trasportano persone e poi con il maltempo li fanno morire”. “Ecco, a tal proposito, dopo quel primo accordo che, lo ricordiamo, a Malta riguardava soltanto gli sbarchi gestiti dalle ONG che, lo ricordiamo, rappresentano circa un 9 - 10% del totale, sindaco, che cosa si sente di dire alla Ministra dell'Interno, Lamorgese, proprio su questo tema? Come deve procedere il Governo? Qual è un segno di discontinuità rispetto alla politica del suo predecessore, Matteo Salvini, secondo lei?” “Quello è stato un primo passo per quanto riguarda la ripartizione dei migranti che arrivano. Qua dobbiamo parlare, invece, con i paesi del Mediterraneo per fare degli accordi e cercare intanto di non farli partire e di non metterli nelle mani dei mafiosi, che li trasferiscono cercando di farli anche morire, senza nessuna morale e senza avere nessun ritegno nei confronti dell'umanità”.


  • TAG