Un piatto di salute, antibiotico-resistenza è un pericolo?

Gli allevamenti dove sono? Lì? Là. Sono i laboratori certificati di Greenpeace ad attestare che i corsi d'acqua che scorrono vicino agli allevamenti intensivi contengono alte percentuali di antibiotici e inquinanti. Le analisi sono state condotte in dieci Paesi europei, in Italia i campionamenti sono stati effettuati soprattutto in Lombardia. In Lombardia, perché in pratica abbiamo oltre la metà del patrimonio di suini di tutta l'Italia. Ed è in Lombardia, in provincia di Brescia, il fiume più inquinato d'Europa, nella Roggia Savarona sono state trovate sette diverse tracce di antibiotici e nel suo ultimo rapporto l'Agenzia Europea per il Farmaco, stima che i due terzi di tutti gli antibiotici venduti in Europa siano destinati all’uso veterinario e al secondo posto per consumo c'è il nostro Paese con 1.200 tonnellate all'anno. Ma perché bombardare gli animali con così tanti antibiotici? Paolo è dell'Associazione Essere Animali, è lui che ci fa vedere attraverso alcuni filmati realizzati durante blitz notturni, come vivono gli animali negli allevamenti intensivi. Vedi, la situazione di maiali in forte sovraffollamento, come se te vivi in un ambiente con molti tuoi simili affianco, mai a contatto con la luce del sole, è ovvio che se gli animali si ammalano, si feriscono e poi devono venire trattati. Questo giovane attivista invece per diversi mesi ha lavorato come infiltrato in alcuni allevamenti intensivi, documentando tutto. Se un animale faceva un colpo di tosse subito antibiotico, se un animale mangiava poco tendenzialmente antibiotico, quindi appena si vedeva un qualsiasi tipo di comportamento particolare nell'animale che poteva semplicemente essere stanchezza o altro, si somministravano farmaci. Questo bombardamento di antibiotici sugli animali è gravissimo, perché accelera il preoccupante fenomeno dell'antibiotico-resistenza con pericolose ricadute anche sulla salute umana. A causa di questi super batteri, infatti, infezioni comuni facilmente curabili per decenni potrebbero tornare ad uccidere.


  • TAG