A 30 anni dalla Convenzione, diritti infanzia sempre violati

06 ott 2019

In Italia ci sono un milione e mezzo di bambini poveri. 30 anni portati male, la convenzione sui diritti dell'infanzia compie tre decadi, ma bambini ed adolescenti continuano ad essere ovunque nel mondo, i soggetti più vulnerabili e quindi i più abusati, anche dalle stesse famiglie che invece dovrebbero proteggerli. C'è ancora tanto da fare, soprattutto perché sul tema degli abusi, delle violenze, dei matrimoni precoci, delle mutilazioni genitali. Ecco, nei confronti dei bambini, ma soprattutto delle bambine, le sfide, le sfide che ci attendono sono ancora molteplici. Il dato sulla povertà a livello nazionale è quello più evidente. Ma è solo uno tra i tanti, considerando la situazione globalmente ad iniziare proprio dall'Italia. Pensiamo al tema dei minori non accompagnati, di questa fantastica invasione di cui si è parlato, ma che nei fatti invece è qualcosa di più, qualcosa che va raccontato, forse a priori, da dove partono, da dove vengono, perché, domandandosi perché vengono. Minori inascoltati, politiche attuative della convenzione, spesso inesistenti, dunque, che ancora stridono sui passi avanti fatti a livello globale, dalla diminuzione delle morti per malnutrizione, alle campagne di vaccinazione. Attuare la convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia che compie 30 anni, perché quella deve essere non una convenzione retorica, ma il faro e la guida per le politiche di ogni Governo. Io credo che questo governo, soprattutto i ministri competenti che hanno la delega, faranno tutto il necessario, insieme ad organizzazioni come l'UNICEF, che sono fondamentali per l'azione di un Paese.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.