A Mondragone mini zona rossa per covid tra tensioni sociali

23 giu 2020

Siamo a Mondragone, nella zona denominata ex Cirio, un posto degradato nel quale vivono in condizioni di precarietà e a volte anche illegalità tra vari traffici sia italiani che persone di origine bulgara, che in molti casi lavorano nei campi spesso sfruttati dal caporale. Ed è una mini zona rossa fino al 30 giugno perché c'è un focolaio di Covid. Oltre al problema sanitario, qui la tensione sociale anche tra Italiani e Bulgari è palpabile. Siamo al confine con la zona isolata, per la presenza del focolaio e in questo momento i residenti stanno protestando. Da sempre considerato questo luogo un ghetto, questa emergenza sociale nata ormai da tempo è fuori controllo. C'è un'operazione tampone a tappeto a circa 700 persone. Ma c'è inevitabilmente una quota di sommerso. Nel momento in cui sono state riaperte le frontiere, i cittadini bulgari di questa etnia che noi ospitiamo nel nostro comune sono venuti subito all'inizio della stagione, stagione di raccolto. Allo stesso tempo si è avuta una recrudescenza anche nella loro patria. - Voi avete un registro censimento di chi effettivamente abita lì? - Io posso dire perfettamente il numero di abitanti residenti a Mondragone di origine bulgara. - Hanno tutti quanti i documenti? - È questo quello che non posso dirle se eccede il sommerso. Io credo che è in minima parte. E guardate questa scena: quest'uomo prima entra con le buste della spesa, poi viene fermato e afferma di abitare dentro. In un secondo momento, viene tenuto fuori dalla zona rossa e afferma esattamente il contrario. - Ho visto persone che uscivano tranquillamente da questa zona, nonostante ci fosse comunque il controllo, diciamo, delle istituzioni. - Secondo te, c'è un pericolo di tensioni sociali tra persone di nazionalità italiana e persone di nazionalità straniera? - Purtroppo questo rischio c'è, c'è per vari motivi, ma è un rischio che, però, ricade tutta sulle responsabilità che hanno le istituzioni che hanno creato questo disagio sociale che ha messo i cittadini uno contro l'altro. Ma alla fine siamo tutti quanti nella stessa situazione. Mondragone Caserta.

pubblicità