Addio a Iacocca, padre della Mustang

03 lug 2019

È morto all'età di 94 anni Anthony Lee Iacocca, leggenda dell'industria automobilistica americana. Nato in Pennsylvania nel 1924, era figlio di immigrati italiani. Parlava spesso delle sue radici e di come l'America ricompensi il duro lavoro. Laureatosi in ingegneria in soli 4 anni, entrò in Ford nel 1946, ma qui capì di essere più portato per il marketing, settore in cui brillò, inventando campagne di successo che risollevarono le vendite in momenti di crisi. Fu il padre della celebre Mustang, prodotta dal 1964 ai giorni nostri in più di 10 milioni di esemplari. A soli 40 anni divenne Presidente della Ford Division, ma la sua storia con l'azienda era destinata a finire. Nel 1978 Henry Ford II lo licenziò, giustificando la decisione con una semplice antipatia. Ma Iacocca non rimase disoccupato a lungo. Dopo qualche settimana, accettò la presidenza della Chrysler, che in quel momento stava affrontando una profonda crisi. Non trovando acquirenti per il salvataggio si rivolse al Governo Federale per un prestito di 1,5 miliardi di dollari, che venne restituito in 7 anni a prezzo di grandi sacrifici, chiusure di impianti, riduzioni salariali e licenziamenti, ma salvò l'azienda dalla bancarotta. Lanciò un modello di auto piccola e a basso consumo e negli anni successivi anche i primi monovolume e minivan. Nel 2009 il Segretario ai Trasporti americano definì Marchionne la nuova generazione di Lee Iacocca. Rassegnò le sue dimissioni nel 1992, ma rimase sempre legato all'azienda. Oggi FCA lo ricorda così. Lee ci ha dato una visione che è quella che ci guida ancora oggi, caratterizzata da duro lavoro, dedizione e grinta.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.