Addio insieme a Flavio e Gianluca, gli adolescenti di Terni

14 lug 2020

Lungo la navata del Duomo è straziante l'urlo di dolore di una madre; la madre di Gianluca. A lui e a Flavio, 15 e 16 anni, amici da sempre, un addio comune. I familiari, gli insegnanti, i compagni di scuola e del quartiere li hanno lasciati andare via insieme, ma prima hanno voluto ricordarli con rimpianto, con amore. Nel Duomo di Terni i funerali dei due ragazzi morti dopo aver assunto probabilmente metadone, convinti che fosse codeina. Anche loro hanno fatto uno sbaglio, è giusto, è normale a dirlo, però probabilmente, se non gli avesse dato quello che gli ha dato ingannandoli… Li hanno ingannati e basta. Questo è uno dei punti ancora da chiarire perché Aldo Maria Romboli, l'uomo che per 15 euro ha venduto loro la sostanza parla di metadone, ma per i compagni delle vittime non è così. Per sapere con certezza cosa abbiano assunto, cosa li abbia uccisi, bisognerà aspettare i risultati degli esami tossicologici e occorrerà un po’ di tempo. Sconcerto tra le centinaia di persone che oggi hanno scelto di stare qui, nella piazza antistante il Duomo e dolore nelle parole della madre di Flavio. Il dolore rimarrà sempre. La rabbia è un sentimento che va convertito in qualcosa che… Io vorrei scendere per strada. Capito? Però una cosa così non è, non può essere fatta, deve essere canalizzata in qualcosa. E oggi la città si è fermata per dire addio a due ragazzi che forse, chissà, per sfida o per semplice curiosità hanno cercato un'esperienza forte, un’evasione da cui non sono più tornati.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.