Lombardia, al via test al check point Nato di Solbiate

19 nov 2020

Controllano, curano i malati, gestiscono i casi più gravi. Il personale medico lavora così qui in questo check point sanitario che si trova a Solbiate, in provincia di Varese, l'area dove il virus continua a correre veloce. Nelle due settimane comprese fra il 31 ottobre e il 13 novembre la provincia di Varese è stata quelle in tutta Italia con la maggiore incidenza di casi positivi sulla popolazione residente. I militari della base Nato della città hanno messo a disposizione il parcheggio della loro caserma per fare un primo screening sui pazienti. Era opportuno, soprattutto necessario, fornire un supporto reale, concreto alla popolazione in questo momento di estrema difficoltà. In collaborazione con i medici della Reu questo spazio è diventato un pronto soccorso dove si accerta chi dovrà essere trasferito in ospedale e chi può tornare a casa anche con un tampone positivo. In una settimana abbiamo valutato circa 250 pazienti, la metà è andata a casa e di questa metà oltre il 75%, invece, è stato trasferito all'ospedale di fuori provincia. Le ambulanze arrivano qui ogni giorno, ma non ci sono i lunghi tempi di attesa. In questo modo viene alleggerito il carico dei malati nelle strutture ospedaliere. La nostra azienda che è l'azienda socio-sanitaria territoriale Valle Olona ha quattro ospedali di cui tre in questo momento occupati con pazienti Covid fino a 350 posti. Nei prossimi giorni, il campo verrà spostato e qui verrà allestito un centro per tamponi in modalità drive in gestito solo dal personale sanitario militare.

pubblicità