Alex Zanardi, nuovo bollettino del San Raffaele

24 set 2020

La situazione resta sempre quella di un paziente che ha un quadro clinico generale complesso, i medici dell'ospedale San Raffaele, non a caso lo ribadiscono, da metà agosto Alex non è più intubato, ha smaltito l'anestesia ma le difese sono poche, il sistema immunitario è estremamente deficitario, motivo per cui resta ricoverato in un'ala del reparto di terapia intensiva neurologica. Ogni giorno Zanardi viene sottoposto a sedute di riabilitazione, cioè esercizi motori per attivare il fisico e esercizi cognitivi per stimolare il cervello tramite sollecitazioni visive ed acustiche, qualche piccola minima risposta Alex riesce a darla, non vuol dire che sia cosciente questo no, ma sono segni transitori e iniziali di una interazione con l'ambiente. L'equipe di specialisti ha messo a punto un percorso chirurgico, due interventi, uno è già stato effettuato, l'altro è programmato nei prossimi giorni per la ricostruzione cranio facciale, perché riuscire a stabilizzare le ossa del volto di Alex sarà un miglioramento indispensabile per lui quando si sveglierà.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.