Allarme lupi, il Viminale ai prefetti: sì all'abbattimento

13 apr 2019

È arrivata ai Prefetti di Trento e Bolzano e al Presidente della Valle d'Aosta. È la circolare firmata dal Capo di Gabinetto del Ministro dell'Interno che autorizza, in assenza di altre soluzioni praticabili, l'abbattimento dei lupi. Secondo quanto emerso la circolare parlerebbe di un'aumentata presenza di lupi in alcune aree del Paese che non solo provoca allarme, ma anche danni economici agli allevatori a causa degli attacchi ai capi di bestiame. Da qui l'esigenza di adottare interventi preventivi per la tutela della pubblica incolumità, privilegiando in ogni caso misure di prevenzione, come la messa in sicurezza del bestiame, il monitoraggio e la dissuasione dei lupi. Ma se questo non dovesse bastare la circolare invita a considerare la richiesta di una deroga alla legge che prevede il divieto di uccidere una serie di animali selvatici, tra i quali, appunto, il lupo. Immediata la reazione dell'ENPA, l'Ente Nazionale Protezione Animali, che attraverso la presidente Carla Rocchi fa sapere che i lupi non solo non rappresentano un'emergenza di ordine pubblico, ma sono un preziosissimo equilibratore biologico, perché da predatori mantengono in equilibrio le popolazioni degli altri selvatici. Per il WWF la circolare è incomprensibile. Gli esemplari di lupi in Trentino si aggirano intorno alle 40 unità, in alto Adige non arrivano a 15 e i danni legati alla loro gestione sono estremamente limitati. Senza considerare poi il nuovo Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia elaborato dal Ministero dell'Ambiente. Il Piano, che sembrerebbe in dirittura d'arrivo, non prevede gli abbattimenti controllati, ma una strategia ben definita per permettere la convivenza degli esseri umani e dei lupi, specie protetta dalla normativa comunitaria e da convenzioni internazionali.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.