Amatrice, Conte: ricostruzione anche con soldi Recovery Fund

24 ago 2020

Di sicuro per tutto il centro Italia l'investimento edilizio potrebbe rivelarsi una leva potente, ma ad essere privilegiata dovrà essere la relazione e non la speculazione. Punta all'importanza dei rapporti umani monsignor Domenico Pompili, Vescovo di Rieti, che qui ha portato il saluto di Papa Francesco. Quattro anni dopo il terremoto Amatrice è ormai poco di più di una collina brulla con scarni resti di un antico borgo che era classificato tra i più belli d'Italia. Vorrei vede' quando parte questa ricostruzione. Zero più assoluto. Domandi a questo e dice che non è competenza mia; domanda a quell'altro dell'ufficio tecnico... Una messa per ricordare le 299 vittime del sisma che il 24 agosto 2016 ha colpito al cuore il centro Italia cancellando paesi interi. Dopo quattro anni ben poco però è stato fatto. Il tempo sta logorando la fiducia degli sfollati. Io sono stata 8 ore sotto le macerie e ho perso anche mio marito, ho perso le case, abitavo sotto la Torre, quindi le speranze sono zero perché io possa rivedere una casa. Ci hanno aiutato tanto, però dentro di noi c'è cambiata la vita. Alla cerimonia, celebrata nel campo sportivo di Amatrice, erano presenti il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i Sindaci e i Presidenti dei Comuni delle regioni colpite dal terremoto, il capo della protezione civile, il commissario straordinario per la ricostruzione. Questa ferita si rimarginerà quando ci sarà la completa ricostruzione. rimarrà aperta ancora per lungo tempo perchè la ricostruzione non può avvenire nel giro di qualche mese. Sicuramente anche il Recovery Fund, le nuove risorse europee potranno dare un contributo per integrare le risorse già stanziate. Dovete crederci, questa volta dovete crederci, ci sono le condizioni affinché nei prossimi mesi, a un ritmo crescente, possiamo vedere aprire molti cantieri. Certo, per i centri storici distrutti è molto più complicato. Poche persone alla cerimonia come poche erano state le veglie di preghiera organizzate la notte scorsa, forse un segno della disillusione sempre più diffusa anche tra chi quattro anni fa era qua in veste di soccorritore. Che abbiamo fatto tanto, è rimasto così, tutto com'è. Non ci sono stati miglioramenti, non c'è stato niente.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast