Botti di Capodanno, un morto e 204 feriti

01 gen 2020

Come ogni primo giorno dell'anno, quasi fosse una tradizione, anche questo è scandito dai numeri di quanti, durante i festeggiamenti di San Silvestro, sono rimasti feriti a causa dello scoppio di fuochi e petardi. l'ultimo bilancio, secondo i dati del Viminale, è peggiore rispetto all'anno precedente. Perché c'è un morto, che l'anno scorso non c’era, e 204 feriti di cui 11 gravi. Legata all'esplosione dei botti è la morte di un ventiseienne di Ascoli Piceno, precipitato per un centinaio di metri in un dirupo nel tentativo di spegnere un principio di incendio, innescato dal lancio di fuochi sul Colle San Marco. Nel Casertano, dove si contano tre persone ferite è in gravi condizioni un diciannovenne colpito all'addome da un proiettile vagante, mentre era in balcone. I medici rassicurano però che non è in pericolo di vita. Non sono mancati incidenti nel milanese con un tredicenne che ha subito l'amputazione di una mano e un altro giovane che ha perso parte delle cinque dita. Minorenni coinvolti in incidenti simili anche a Roma. Nella capitale i feriti sono stati una Dozzina, tra questi quattro bambini dai 5 ai 12 anni. Anche Napoli, che da sempre detiene il primato per numero di incidenti, si conferma in testa con un lieve aumento dei casi registrati. Erano 37 i feriti nel 2019. La notte scorsa i refertati in ospedale sono stati 48.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.