Camorra Napoli, ucciso davanti a compagna incinta

06 ott 2021

Carmine D'Onofrio aveva 23 anni ed era incensurato, stava rincasando qui a Ponticelli con la convivente incinta di otto mesi, intorno alle 2 di notte. Ma ha fatto appena in tempo a scendere dall'auto, almeno sette i colpi sparati e tutti andati a segno, inutile la corsa in ospedale. D'Onofrio era figlio illegittimo di Giuseppe De Luca Bossa e nipote del boss Antonio, noto come 'o sicc, il magro. Indagano il nucleo investigativo dei Carabinieri di Napoli e i militari della compagnia di Poggioreale. Un delitto che secondo una prima ricostruzione potrebbe essere una vendetta trasversale, vicina per la dinamica più agli omicidi di mafia che a quelli di camorra. Secondo alcune testimonianze raccolte nel quartiere, D'Onofrio viveva essenzialmente di lavori saltuari. L'omicidio segue un altro episodio: solo pochi giorni fa una bomba è stata piazzata davanti al palazzo del boss Marco De Micco, scarcerato a marzo, rivale della fazione dei De Luca Bossa, Casella e Minichini, sotto il cappello dell'Alleanza di Secondigliano. Le fibrillazioni nella zona est sono riprese proprio dopo la scarcerazione del boss per l'egemonia sull'area. Si teme ora una risposta della fazione avversaria.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast