Carabiniere ucciso a Roma: preso un sospettato, la testimonianza

26 lug 2019

Io ero in ufficio con la finestra leggermente aperta per stemperare l'aria e ho sentito un vociare animato di persone e mi sono accorta che c'erano dei Carabinieri che puntavano le mani sulla faccia di un fotografo che tentava di prendere un'immagine che proveniva dalla parte dell'hotel Meridien. Affacciandomi alla finestra proprio in quell'istante, ho visto diverse persone delle forze armate che prelevavano un uomo in fretta, gli coprivano il capo al volto e lo mettevano dentro a una macchina che poi è partita a grande velocità verso la strada, verso l'uscita dell'albergo. Mi sembrava avesse le mani legate dietro, lo trattenevano i Carabinieri e gli coprivano il capo per non metterlo in vista, ma era tenuto fermo dalle forze armate. C'erano, credo, un paio di agenti in borghese, un maresciallo dei Carabinieri. No, come unico sospettato, diciamo, soltanto lui ho visto, sì, che entrava nella macchina.

pubblicità