Casamonica, sgombero e abbattimento di ville e capannoni

21 ott 2020

Dalle immagini del funerale del boss sulle note del film "il padrino" a queste dello sgombero della lussuosa villa padronale di oltre 4000 mq, simbolo del potere del clan dei Casamonica. Ascesa e declino di una famiglia camorristica, 5 anni segnati da decine e decine di arresti che hanno decimato il clan dei nomadi Sinti, insediati nella capitale dagli anni settanta, facendo affari illeciti. Dall'usura al traffico di droga, passando per estorsioni. Un tesoro stimato dall'antimafia in almeno 90 milioni di euro. Sfarzo e lusso pacchiano, il segno distintivo oggetti ricoperti d'oro, ritratti di famiglia, quadri. Decine di agenti impegnati nel maxi blitz scattato all'alba, 8 ville sgomberate che dovranno essere abbattute. Si tratta di abitazioni abusive, costruite in aree sottoposte a vincolo archeologico. Siamo in zona Romanina, quartier generale del clan, periferia sud-est della capitale, al confine con i comuni di Ciampino. Questa, la villa in uso al capostipite, Ferruccio Casamonica, sposato con Dolores Sara Spada, altro cognome che pesa nell'egemonia criminale della capitale, conosciuto come il clan degli zingari di Ostia. Due organizzazioni criminali che hanno siglato una pax mafiosa, perché le faide, si sa, rallentano gli affari e attirano le forze dell'ordine.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.