Catania, la storia dello studentato 95100

16 nov 2020

Area principalmente di svago, socialità o cazzeggio, non so se lo posso dire. Qua siamo nello studentato 90-500 che è uno stabile che ormai vive da 3 anni all'incirca, è vissuto appunto da studenti e da studentesse che sulla base di un comune disagio, un comune bisogno, cioè quello abitativo, hanno pensato di autogarantirsi un diritto che è l'istituzione universitaria, quindi un ICT, per quanto riguarda la Regione non riuscivano a garantire e tuttora non riescono a garantire una larga fetta della comunità studentesca dell'università di Catania, prima questo spazio non era niente in pratica, è stato abbandonato per diverse decine di anni, ha vissuto una breve esperienza di vita come uffici della facoltà di giurisprudenza, per i professori, ma anche nel resto degli anni è stata completamente abbandonata, ad oggi siamo una decina, normalmentte però, soprattutto nei periodi diciamo di alta abitazione, siamo una quindicina di persone. Tutti gli abitanti di questo stabile sono riconosciuti dagli enti pubblici come idonei non assegnatari, pertanto viene riconosciuto il diritto ad ottenere una Borsa di studio, il diritto ad avere un alloggio, il diritto di avere dei sussidi. Però poi di fatto non vengono erogati, non vengono realmente garantiti. quando abbiamo aperto qua non c'era assolutamente nulla, attraverso non azioni, dai privati siamo riusciti un attimino a dare una forma, soprattutto grazie alla solidarietà del quartiere, infatti numerosi abitanti del vicinato subito si sono mostrati solidali e ci hanno donato mobili, sono venuti a trovarci, c'è un tessuto sociale che non solo approva, ma è anche solidale, aiuta materialmente noi e lo studentato 90-500.

pubblicità