Climatizzatori e Covid: studi e regole

22 mag 2020

“Abbiamo dato incarico, noi stessi, Spallanzani con la Regione e con l'Università La Sapienza, di portare avanti uno studio che è teso a dimostrare se, effettivamente, l'aria condizionata possa o non essere utile.” Dai grandi impianti ospedalieri a quelli più piccoli all'interno delle aziende sanitarie locali il tema della sanificazione dei climatizzatori è particolarmente caldo in questo momento di emergenza Covid. Negli ospedali si sanifica, soprattutto dove l'aria condizionata circola nei reparti Covid. Ovunque si dovrebbero comunque pulire i filtri, le griglie di ventilazione con acqua e sapone o con l'alcool ed è necessario arieggiare i locali chiusi con una certa frequenza, soprattutto non si deve utilizzare il riciclo interno dell'aria, neanche nei mezzi di locomozione. “Intanto ribadiamo che è buona regola tenere sempre arieggiate le case, quindi finestre aperte, per cortesia, sempre, anche nel periodo di caldo.” Il primo studio sui rischi del contagio da Covid attraverso i climatizzatori arriva dalla Cina, dove si è ipotizzato che il flusso d'aria condizionata acceleri il contagio, ma senza fornire risultati definitivi. Ora, in Italia, dunque, è lo stesso ospedale Spallanzani ad avere commissionato uno studio universitario perché esiste anche l'ipotesi che il condizionatore possa invece prevenire il contagio. “Ci sono degli scienziati che dicono che il ricircolo continuo con aria forzata di questo clima, in questo caso di idroclima, nell'ambito chiuso che si tiene possa addirittura evitare la trasmissione del virus, però devo anche con onestà sottolineare che altri studi in altri Paesi hanno dimostrato, per esempio, che in ambienti chiusi e in ascensore, tutti quanti ricordiamo che c'era stata una grande diffusione del virus, quindi a contrasto di due tesi la cosa giusta qual é? Approfondire!” C'è, dunque, attesa per i risultati di questo studio. Intanto, però, sembra necessario rassegnarsi a sudare un po' di più, indossando sempre le mascherine in luoghi chiusi e tenendo finestre e finestrini il più possibile aperti.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.