Congo, Belloni su Attanasio: esempio dipolomatico migliore

23 feb 2021

Innanzitutto credo che non ci siano parole che possano esprimere il dolore dei familiari, ma anche il dolore di tutto il personale della Farnesina per la scomparsa di Luca Attanasio, del carabiniere che lo accompagnava e dell'autista congolese. Però credo è doveroso, e vi ringrazio di questo, chiedere un ricordo, perché ci pensavo proprio stamattina: ricordare una persona che ha rappresentato e rappresenterà spero nel futuro l'esempio del migliore diplomatico che ci possa essere, colui cioè che si è sempre impegnato per imparare, per studiare, per essere un vero professionista, ma al tempo stesso, puntava sulla generosità, sulla voglia di fare bene e soprattutto di rappresentare al meglio delle sue capacità il suo Paese, l'Italia, ciò che l'Italia può fare nel mondo così complesso, così pieno di sfide per dare anche un contributo alla pace, alla stabilità. Questo era Luca Attanasio e lo faceva con grande serietà. L'ambasciatore si era recato a Goma per visitare un programma nutrizionale per le scuole, quindi, per i bambini nella zona, nella regione di Goma. Era un programma gestito dal programma alimentare mondiale, quindi la prima cosa che io ho fatto, anche su indicazione del governo, del ministro di Maio, è stata quella di prendere contatto con il direttore esecutivo del World Food Program chiedendo un rapporto. Abbiamo poi anche chiesto più nello specifico un'inchiesta. Attendiamo ovviamente gli elementi di quanto è successo, la versione che le Nazioni Unite e il Pam ci vorranno dare e faremo naturalmente le nostre valutazioni.

pubblicità