Coronavirus, a Prato la moda anti-contagio

22 mag 2020

Fare cose vecchie, in modo nuovo, questo significa innovare. Le aziende italiane lo sanno fare bene e alcune ci hanno provato anche durante il lockdown. L'idea alla base è che di solito l'innovazione porta al cambiamento, in questo caso il cambiamento che abbiamo subito dall'esterno, ci ha costretti all'innovazione. Durante il lockdown ci siamo messi a studiare materie che non conoscevamo, quindi, le normative riguardo ai dispositivi medici e di protezione. Più che altro, abbiamo cercato di fare innovazione a livello di servizio, quindi ci siamo mossi da il monouso al pluriuso. Così, in questo stabilimento, a Cantagallo, nella Provincia di Prato, una cinquantina di dipendenti, su 160, hanno cominciato con le tute. Ne sono state fin qui prodotte e donate un migliaio, all'Ospedale Santo Stefano di Prato, e 700 alla Protezione Civile. Riutilizzabili, perché il tessuto è stato trattato con un prodotto chimico per l'abbigliamento, antibatterico e antivirale. Poi, è stata pensata un'intera collezione anti Covid. Abbiamo voluto cercare di portare il capo, e quindi il tessuto del capo, da possibile vettore di un contagio a una protezione, invece, per l'utilizzatore. Abbiamo cercato di fare dei capi che potessero permettere all'utilizzatore di stare al sicuro con quello che indossa ogni giorno, tutti i giorni e per tutto il giorno. Dalla tutta, quindi, si è passati al trattamento per quasi tutti gli altri indumenti e in un mese e mezzo la rivoluzione si è compiuta, potendo contare su una filiera interna molto estesa, dal filo si arriva alla tessitura, poi al lavaggio. La parte per noi più interessante è quella del finissaggio, il tessuto qui viene immerso nella soluzione di acque prodotto, costituito da ioni d'argento che inibiscono i batteri e da una parte lipidica che incapsula il virus. Vi è poi una pressione uniforme e l'asciugatura a 110 gradi, così diventa capace di ridurre, fino al 99 per cento, il rischio di contaminazione, come sostengono diverse certificazioni internazionali.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.