Coronavirus, aumentano i contagiati ma anche i guariti

05 feb 2020

Aumentano i contagiati ma anche i guariti e in Cina è ancora allarme Coronavirus. La provincia dell'Hubei resta il primo e principale focolaio dell’epidemia. Ma ci sono anche buoni segnali. Sono quasi 300 i guariti negli ultimi giorni. I pazienti affetti da coronavirus che sono guariti e sono stati dimessi con successo dagli ospedali in Cina, sono ora 898. Le autorità portuali di Hong Kong hanno messo in quarantena i 1800 passeggeri e il personale di bordo di una nave da crociera, la World Dream, perché tre suoi passeggeri sbarcati in Cina il 24 Gennaio sono poi risultati positivi al Coronavirus. Le autorità di Hong Kong si sono spinte oltre ed hanno imposto la quarantena di 14 giorni per qualsiasi persona in arrivo dalla Cina. Oltre a predisporre un fondo da 10 miliardi di dollari per combattere l'epidemia. Sono risultati positivi al test dieci passeggeri di un'altra nave da crociera, la Diamond Princess della Carnival Japan, che è ancora ferma nella baia di Yokohama. Tutti i passeggeri sono in quarantena e non possono lasciare la nave. Intanto arrivata la notizia che si è ammalato, Li Wenliang, il medico trentaquattrenne, oftalmologo che fu il primo a lanciare l'allarme sulla diffusione della nuova epidemia di Coronavirus a Juan. Li Wenliang venne prima screditato dalle autorità, minacciato dalla Polizia e arrestato insieme ai sette colleghi che avevano messo in guardia amici e conoscenti. Poi la sua posizione fu rivalutata dalla Magistratura e dalla società, diventando un simbolo. Continuano anche i rimpatri. Domenica prossima partirà un secondo e ultimo volo di rimpatrio dalla Cina dei britannici che si trovano ancora nella provincia di Hubei, con a bordo 72 britannici. Nelle ultime ora la Russia ha riportato a casa 78 connazionali, l'Uzbekistan 84.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.