Coronavirus, Faella: Epidemia più pericolosa del colera

18 mar 2020

Nel 1973, esattamente alla fine di agosto, ci furono dei casi di enterite molto gravi a Torre del Greco, e alla fine, un collega bravo che si chiamava dottore Brancaccio sospettò che ci fossero dei… che questi casi fossero casi di colera. E quindi ce li mandò in ospedale. Devo dire che inizialmente questa idea, questa diagnosi che era stata avanzata ci sembrava un poco eccessiva e quindi la prendemmo con molta superficialità, però immediatamente facemmo gli esami, e quando avemmo gli esami, purtroppo, fu una grossa, una grossa doccia fredda. L’epidemia fu un’epidemia di colera. La prima epidemia di malattie infettiva successiva a dopo la guerra, dopo la Seconda Guerra Mondiale, si era impreparati, ma impreparati piuttosto dal punto di vista psicologico. E quella epidemia ebbe dei risvolti piuttosto sociali che non tanto medici. Questa nuova malattia, secondo lei, è meglio o peggio dell’epidemia di colera? È sicuramente molto molto più pericolosa.

pubblicità