Coronavirus, Niccolò dimesso dall'ospedale Spallanzani

29 feb 2020

È finita la quarantena di Niccolò, il diciassettenne di Grado, rientrato da Wuhan 15 giorni fa con un volo straordinario dell'Aeronautica militare, organizzato dal Ministero della difesa e degli Affari Esteri. Da oggi torna a casa, dagli amici, a scuola, alla vita di tutti i giorni. Contento di riabbracciare tutti quanti, tutti i familiari, gli amici. Finalmente questa disavventura è finita. Siamo già in accordo con la scuola, appena rientrerà riprenderà nuovamente a fare i suoi studi, come di dovere, al Sello a Udine. Appena tutto sarà finito, tra virgolette, vuole tornare a ringraziare anche tutte le persone che lo hanno aiutato in Cina, oltre a qui in Italia ovviamente: tutti i dottori, gli assistenti dello Spallanzani e i Ministri e tutti quelli che gli sono sempre stati vicini, 24 ore su 24, per farlo rientrare da lì e per non fargli mancare nulla, qui in Italia. Niccolò rientra in Friuli Venezia Giulia con i genitori, che finalmente hanno potuto riabbracciarlo dopo sei mesi. Si è mai messo a piangere? No, sinceramente; è sempre stato sul pezzo. Allo Spallanzani ora l'attenzione è concentrata sulla famiglia di quattro persone di Fiumicino, messa in isolamento venerdì, dopo che la madre è risultata positiva al test del COVID-19. La donna era rientrata da un viaggio a Bergamo, dove era stata per qualche giorno. In via prudenziale, lo Spallanzani ha provveduto, ieri in tarda serata, a ricoverare l'intero nucleo familiare. Ad oggi i primi test effettuati risultano positivi per il marito della donna e uno dei due figli. Nelle prossime ore si effettueranno i test di eventuale conferma. Tutti gli altri test effettuati finora per gli altri pazienti sono tutti risultati negativi. Il sindaco di Fiumicino ha deciso di chiudere fino al 9 marzo la scuola frequentata dai figli della coppia e ricoverata. Task force della regione Lazio sta lavorando per identificare le persone entrate, eventualmente, in contatto con le 4 persone del nucleo famigliare, arrivate venerdì allo Spallanzani, e nel caso effettuare gli opportuni riscontri. In tutto, dei 193 pazienti visitati nell'ospedale romano, 165 sono risultati negativi, 28 sono in attesa del risultato del tampone.

pubblicità