Coronavirus, primo paziente Covid-19 a Campus bio-medico

01 apr 2020

Il primo paziente Covid arriva alle ore 12:00 in punto. Appena vedono spuntare l'ambulanza dell'Ares 118 gli infermieri si fanno a 5 per farsi coraggio. Pochi minuti prima si sono vestiti, sono 90 tra: medici, infermieri e personale di supporto, tutti si sono offerti volontari, allungando i propri turni per essere sempre gli stessi a lavorare in quest'area. Dopo tanti anni di terapia intensiva ci è stato chiesto chi se la sentisse di iniziare questa nuova esperienza, quindi noi abbiamo offerto la candidatura. Con l'arrivo del primo paziente il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma apre il suo Covid Center. Quaranta posti letto di cui 9 di terapia intensiva, 7 di media intensità e 31 a bassa intensità, in funzione dell'andamento del contagio. Questa struttura è completamente isolata dal Policlinico del Campus Bio-Medico, è stata creata proprio per curare i pazienti Covid. Qui siamo nel percorso e queste sono le postazioni dell'alta intensità. Ci troviamo nella terapia intensiva, su questi posti letto verranno trattati i pazienti più complessi che necessitano di intubazione e di ventilazione e sarà anche possibile effettuare la circolazione extracorporea (ECLS) propria di questi pazienti che verranno seguiti dal nostro professore ordinario di anestesiologia Felice Agrò. Il paziente viene messo a pancia in giù, appoggiato sopra questi cuscini. Questa parte finale è un raccordo a Ypsilon che diventa unico, è un catetere mount, si toglie questo e questo si collega alla parte del tubo tracheale che va in trachea del paziente, dalla bocca arriva in trachea, dalla trachea ventila il polmone destro e il polmone sinistro. All'interno di quest'area c'è anche una TAC a 300 strati, per intenderci, la Ferrari delle TAC, è in grado, in neanche un minuto, di fare una scansione total body . Questa invece si chiama Extracorporeal Life Support, dà ossigeno in aggiunta e ripulisce il sangue quando il ventilatore non basta. Il Campus Bio-Medico è dotato anche di un sistema di intelligenza artificiale utilizzato a Wuhan nel corso dell'emergenza coronavirus, in grado di leggere il livello di compromissione polmonare in una TAC, tutto in pochi secondi.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.