Coronavirus, servono medici a Brescia e Bergamo

16 mar 2020

Gli Ospedali di Brescia e Bergamo hanno bisogno di medici e di nuovi posti in terapia intensiva. I medici stanno arrivando, ieri, ne sono arrivati una ventina, sono medici militari, sono arrivati al Papa Giovanni di Bergamo. Nei prossimi giorni arriveranno anche a Brescia, non soltanto all'Ospedale Civile, che vedete alle mie spalle, ma anche agli altri Ospedali bresciani che ne hanno fatto richiesta. Una Provincia, quella di Brescia, che ieri ha registrato davvero una domenica nera, con il record dei decessi (46), e ha raggiunto 2 mila 500 il numero dei contagiati. Il 12 per cento dei medici, nelle corsie lombarde, è contagiato e, quindi, deve essere necessariamente sostituito. In tutta la Lombardia arriveranno rinforzi dal punto di vista sanitario, ma le Province che soffrono di più, si sa, drammaticamente, sono Brescia Bergamo. Arriveranno anche medici stranieri, hanno detto dalla Regione, arriveranno dalla Cina, dal Venezuela, da Cuba, ma anche da altri Paesi. “Se sarà necessario - dicono gli Assessori lombardi – li andremo a prendere per poi metterli nelle corsie dei nostri ospedali, e ci saranno anche gli interpreti e traduttori che li aiuteranno nel loro lavoro”. Brescia, sta lavorando per avere 28 posti di terapia intensiva in più, si stanno ampliando alcune zone della Fondazione Poliambulanza e dell'Ospedale Civile, per cercare di recuperare questi nuovi posti di terapia intensiva. Anche Bergamo, ieri, ha registrato un triste record, quello del maggior numero di contagi in una sola giornata: più 552. Ieri, il premier Conte, ha telefonato al direttore generale dell'Ospedale Papa Giovanni di Bergamo, proprio per mostrare la sua vicinanza, ma anche per dare sostegno a un Ospedale, ma in generale, a una Provincia che sta davvero pagando un prezzo altissimo per questa emergenza.

pubblicità
pubblicità