Coronavirus, Zaia firma una nuova ordinanza

06 lug 2020

Dal primo di Luglio, in Veneto abbiamo avuto 28 contagi che sono un'inezia dal punto di vista epidemiologico. 28 contagi in una settimana sui 5 milioni di veneti, probabilmente ci sono patologie che stanno aggredendo molto di più la nostra comunità in questa fase. Però dei 28, 15 sono di virus importato che coinvolgono stranieri. Le novità introdotte dall'ultima ordinanza firmata dal governatore Luca Zaia, in vigore da oggi al 31 Luglio, riguardano soprattutto il contrasto all'arrivo del virus dall'estero, importato da chi si sposta per lavoro o vacanze. L'isolamento fiduciario di 14 giorni diventa obbligatorio per chiunque di rientro o in arrivo in Veneto da Paesi che non figurano nella lista di 36 stati considerati non a rischio, per le persone entrate in contatto con soggetti positivi al tampone e per i cittadini con temperatura superiore ai 37,5 gradi. Le novità più importanti riguardano però i lavoratori delle aziende di rientro da Paesi a rischio, che dovranno sottoporsi ad un doppio test a distanza di una settimana. Diventa obbligo del datore di lavoro segnalare al sistema sanitario l'arrivo del dipendente. Obbligatoria anche la segnalazione a prefetti e sindaci dei soggetti positivi per i quali scatterà una denuncia in caso di rifiuto di cure e ricoveri, se necessari.

pubblicità

Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui.