Covid, a Palermo screening a scuola nei quartieri popolari

26 nov 2020

A turno, a piccoli gruppi, infila e distanziati lasciano la classe e raggiungono l'aula magna. Sono gli alunni dai 3 ai 13 anni, le cui famiglie hanno autorizzato l'esame del tampone, avviato in molte scuole della città e della provincia. Hanno detto sì 460 dei 750 alunni della Antonio Ugo, scuola del quartiere popolare Noce-Zisa. La risposta è stata abbastanza positiva da parte delle famiglie e devo dire ancor di più da parte dei ragazzi. D'altra parte, diciamo che questa è stata un'opportunità per le scuole per tranquillizzare le famiglie e tutti quanti noi. I riferimenti alla legalità e alle inclusioni riempiono le pareti di questa scuola, in cui il 9% degli alunni è di origine straniera e a tutti si insegna il massimo rispetto per il prossimo e per le regole, armi preziose per costruire un futuro migliore di quello toccato molti dei loro genitori. Il nostro è un quartiere con un forte tasso di disoccupazione, quindi abbiamo avuto famiglie che hanno avuto seri problemi durante il lockdown, se proprio la vogliamo dire la didattica a distanza in determinati contesti aumenta ancor di più quelle che sono le differenze. Ecco perché garantire in sicurezza la presenza a scuola diventa fondamentale. La scuola è un luogo sicuro e i pochi casi si sono verificati all'esterno dell'ambiente scolastico, e siamo assolutamente convinti che la scuola in presenza sia irrinunciabile per tutti e in particolare in questi quartieri più popolari in cui sono spesso le famiglie sono assenti e quindi l'alternativa alla scuola è la strada.

pubblicità
pubblicità
I podcast di Sky TG24
I podcast di Sky TG24I podcast di Sky TG24
Ascolta e segui i podcast di Sky TG24: cultura, arte, informatica, scienza e tanti altri temi raccontati dalle voci dei giornalisti di Sky TG24
Scopri tutti i podcast