Covid, bracciale elettronico per i malati ad Arezzo

23 nov 2020

Il bracciale più prezioso che c'è è quello che ti salva la vita. Il sensore prende i dati del saturimetro che parla con il trasponder e ci dà quattro parametri fondamentali. Saturazione, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura. Questo braccialetto elettronico usato per la prima volta in Italia nell'Asl Toscana Sud-Est nei pazienti Covid sintomatici di Arezzo è collegata ad una app, collegata a sua volta con la centrale operativa, dove sono abituati ad interpretare i segnali di pericolo. Quano il sistema rileva o un parametro sanitario preoccupante, con un trend preoccupante, o una serie di risposte che il paziente dà o non dà all'app periodicamente, il sistema ci allarma. L'innovazione medicale ampliata anche alle province di Siena e Grosseto ha due importanti vantaggi. Il primo, consente alle strutture sanitarie tanto territoriali quanto ospedaliere di capire qual è l'evoluzione dei pazienti al proprio domicilio. Il secondo non è meno importante. Lo spiega la signora Cinzia, uno dei pazienti che ha scoperto quanto può essere rassicurante la tecnologia. Fanno sentire le persone prese in carico non sole. Anche se non siamo soli, però la sensazione è proprio questa, sensazione di paura e di solitudine. Adesso si sente meno sola? Ora mi sento meno sola e sto anche meglio.

pubblicità