Covid, code chilometriche per i tamponi a Palermo

26 dic 2021

Un tasso di positività superiore al 10% e i numeri sembrano destinati a salire. All'hub vaccinale della Fiera del Mediterraneo di Palermo le code per sottoporsi al tampone sono chilometriche. Alcune delle strade che portano al centro vaccinale sono state chiuse al traffico normale ed aperte soltanto a chi deve effettuare tamponi o vaccini. Siamo tornati indietro di un anno, dice Renato Costa, Commissario per l'Emergenza Covid del capoluogo siciliano. Il rischio è alto, i numeri ci preoccupano. "Abbiamo stabilmente oltre il 10% con delle oscillazioni molto piccole. Questo è preoccupante perché sono i valori che avevamo più o meno l'anno scorso quando non c'erano i vaccini e meno male che abbiamo i vaccini perché se non avessimo avuto i vaccini noi in questo momento avremmo gli ospedali che stanno scoppiando." "Una situazione che purtroppo tende a peggiorare in questo momento?" "Se non capiamo che a questo punto l'unico dato che sappiamo è che il virus cammina sulle gambe delle persone. Se noi non capiamo che per evitare la circolazione del virus dobbiamo fermare le persone e quindi non è più possibile che ci sia questa mobilità eccessiva che ci siano questi pranzi da 100 persone, queste riunioni di famiglia numerosissime, queste feste organizzate fuori, i ristoranti stracolmi. Bisogna avere un attimino di attenzione." Da contraltare alle migliaia di tamponi e all'elevato tasso di positività i numeri della campagna vaccinale che va avanti a pieno ritmo anche nei giorni di festa. "Abbiamo quasi 1.000 persone già al nostro Hub vaccinale e in tutto questo devo dire più di 100 bambini che è un'altra cosa che ci fa un sacco di piacere. Dobbiamo solo recuperare un gap antico di ritardo ma adesso ci stiamo rimettendo in carreggiata." Adesso l'osservato speciale è il Capodanno.

pubblicità
pubblicità
SCOPRI VOICE
SCOPRI VOICESCOPRI VOICE
Attualità, inclusion, sostenibilità, diritti. Raccontiamo il cambiamento, un video alla volta. Scopri Voice, il nuovo progetto editoriale di Sky Tg24
GUARDA ORA