Covid, la protesta delle imprese di matrimoni ed eventi

28 gen 2021

Arrivano a Roma, si danno appuntamento davanti al Pantheon, dalla Sicilia, dalla Toscana, Abruzzo, dalla Liguria. Io vengo dall'Abruzzo, da Chieti. Tutto l'anno scorso è stato tutto rimandato e considerate che abbiamo fatto un gran lavoro per stare accanto alle nostre coppie, cerca di tranquillizzarli, ma oggi tutte quelle coppie che hanno rimandato sono ancora incerte. 8, 8-9, io avrei dovuto fare 45, quindi una bella differenza. Cinquantamila le imprese di eventi in Italia, nel 2019 sono stati 192000 i matrimoni italiani, 15000 i denstination wedding. Io ho perso il 96% dei clienti e il 92 del fatturato. Un settore con un fatturato diretto per 15 miliardi di euro, che con la pandemia ha subito un calo dell' 80% per i patrimoni internazionali sfiora il 100%. Ci siamo uniti per creare il primo dialogo con le istituzioni, da maggio ad oggi abbiamo parlato con innumerevoli membri del Governo, al Senato e alla Camera per far comprendere loro quanto il mondo degli eventi in Italia sia un traino. Fondi specifici per le aziende, esenzione delle tasse, proroga del credito di imposta sui canoni di locazione, prolungamento delle misure a tutela del lavoro, protocolli sanitari per la ripresa. Io spero che tutti i politici, che tutto il Governo in generale, non inteso come Governo di questo momento, si renda conto di questa situazione, aldilà dei colori.

pubblicità
pubblicità