Covid Lazio, riaprono gli stabilimenti balneari

15 mag 2021

Ultimi ritocchi prima del via. Spiaggia di Fiumicino, dopo una lunga attesa riaprono gli stabilimenti balneari, 110 attività disseminate lungo 24 km di litorale. "Finalmente si riapre dopo tanto, speriamo che questa stagione ci porti un po' di vita". Seconda estate in epoca di pandemia dunque, sempre nel rispetto delle regole anti-Covid. "Chiaramente il distanziamento sociale sarà fondamentale, una sanificazione soprattutto con riferimento agli spazi comuni, quindi i tavoli, sedie, diciamo anche i lettini, quando si cambia, cambia il nucleo familiare, cambiano le persone, dovranno essere sanificati". 10 mq per ogni ombrellone, tra lettini, sedie e sdraio che non appartengono allo stesso ombrellone, un metro e mezzo di distanza. Mascherina indosso, quando si cammina. Consentiti gli sport individuali, come racchettoni, moto e surf. Vietati invece quelli di gruppo, come il beach volley. Potenziati i controlli. "Della Polizia Locale di Fiumicino, che coordinerà anche altre associazioni di volontari che, come lo scorso anno, scenderanno in campo per monitorare la situazione". Le prenotazioni per la stagione sono al 60%. Oggi in spiaggia complice il vento, poca gente, ma i gestori sono fiduciosi. "Con questa cosa che non si sa se uno può uscire o meno dalla Regione, organizzare le vacanze, molta più gente si sta riversando su questa parte del litorale". "La giornata merita ed è molto bello". "C'è proprio bisogno di libertà, questo Covid proprio c'ha messo KO". "È già il tutto esaurito per le, diciamo, le abitazioni che si affittano". Tutto esaurito invece nei ristoranti, che a Fiumicino possono occupare anche il suolo pubblico, per servire all'aperto. "In base alla metratura che tu hai interna, puoi sfruttare lo spazio esterno". Questo fine settimana poi, chi è venuto al mare ed ha prenotato il ticket virtuale, può partecipare all'AstraZeneca Day, venendo al polo natatorio di Ostia, che è uno dei 21 hub regionali, dove gli over 40 possono vaccinarsi.

pubblicità
pubblicità