Covid, mancano dati sui contagi nelle scuole

28 ott 2020

A un mese e mezzo dall'inizio dell'anno scolastico la caccia ai numeri sui contagi nelle scuole è aperta. L'impegno nobile, certamente, di riprendere le lezioni in presenza a settembre in tutte le scuole di ogni ordine e grado, deve oggi fare i conti con la mancanza di evidenze scientifiche. Dal nord al sud del Paese ogni settimana si registrano casi di chiusura di istituti e classi in quarantena. Ma quali sono, ad oggi, i numeri reali dei contagi tra i banchi è molto complicato da capire. Non ci sono dati consultabili, o meglio, se ci sono non sono pubblici e soprattutto manca il dato risultato di un'elaborazione scientifica in grado di dirci se nelle scuole ci si contagia poco oppure no. La ministra dell'istruzione Azzolina, sulla base di un'elaborazione del Ministero della salute, qualche giorno fa ha dichiarato che ad oggi in Italia solo il 3,5% dei focolai è riconducibile alle scuole, dato anche questo giudicato da molti parziale e poco attendibile. In Italia circa 3,5% di tutti i nuovi focolai è riconducibile alle scuole, ma il totale tiene in considerazione anche tutti i contagi che avvengono in ambito familiare. In Francia ad oggi circa il 20% di tutti i focolai è riconducibile a scuole e università, ma in questo caso vengono escluse dal conto tutti i contagi avviene in ambito famigliare. Se dal conto italiano togliamo i contagi che avvengono in casa il peso delle scuole sarà circa il 18%. Ma come avviene la raccolta dei dati sui contagi relativi alle scuole? Sono le ASL a registrare i casi positivi, a inoltrarli alle regioni che a loro volta indirizzano le informazioni al Ministero della salute. Questo il procedimento standard a cui si aggiunge l'iniziativa del Miur a cui ogni settimana 8000 presidi,ì comunicano i numeri dei contagi del proprio istituto. Anche in questo caso il Ministero dell'istruzione inoltra le informazioni al Ministero della salute. Ma che dire della qualità di quei dati. Tutto parte dalle ASL sotto organico e sotto stress, che a stento riescono a gestire un tracciamento per di più è ormai fuori controllo.

pubblicità