Covid, oltre 3000 contagi in Campania

30 ott 2020

L'idea è quella di provare a rafforzare delle forme diciamo di protesta anche sui singoli quartieri, perché la soluzione non crediamo che sia semplicemente quella di porre un coprifuoco che in questo momento è semplicemente una sorta di pezza che si sta cercando di mettere per coprire una problematica molto più ampia. Le aziende ti sfruttano, ti fanno fare il tirocinio, lo stage di 6 mesi a 500 euro al mese, ti mandano a casa, la ristorazione per me è stata sempre quella cosa di dire vabe, non trovo lavoro, lo trovo lì. Dopo giorni di protesta è l'area Flegrea a scendere in piazza, Bagnoli, Pozzuoli, Quarto, sono i cittadini e le associazioni che lavorano sul territorio, e chiedono tutela anche per chi ha sempre lavorato in nero e ora rischia di restare senza lavoro e senza sussidio, tra loro gli esponenti del laboratorio Iskra che a Napoli ha aperto uno sportello. Se le persone con un contratto di lavoro e che nella ristorazione sono molte, sono fortunate ad averlo vivono una situazione tragica, chi era a nero prima non ha visto nessun aiuto a marzo, io in prima persona ero lavoratore a nero, ho perso il posto di lavoro, non avevo nemmeno 20,30 euro di cassa integrazione, è andato tutto via. Se lockdwn deve essere che aiutino davvero tutti, si sente dire ormai da più parti, manifestazioni e proteste andranno avanti per l'intero fine settimana e non solo a Napoli, si scende in piazza a Salerno e in altre città della regione. Intanto è arrivato l'esercito in aiuto dell'ASL di Caserta, i militari effettuano i tamponi su prenotazione tramite ASL o medico di base e aumentano il numero dei contagi, oltre 3000 nelle ultime 24 ore, su quasi 18000 tamponi effettuati, mentre la situazione ospedaliera è sempre più complicata. Il sistema è fuori controllo, ormai è notizia di tutte le direzioni generali che stanno attivando altri posti letto, ma il vero problema è la mancanza di personale, questa è la notizia è questa ormai da giorni, tanto è vero che De Luca ha richiesto a Conte personale tramite la protezione civile. Paga il confronto, con il governatore almeno le nostre organizzazioni sindacali non ricordo neanche più l'ultima volta che ci siamo incontrati.

pubblicità